Il senso antiorario di Savona

di Osvaldo Ambrosini.

A Savona ne abbiamo tante, azzurre se vicine al mare, rosse in centro e verdi nell’entroterra. Alcune grandi, alcune medie, altre ancora piccolissime. Si possono percorrere tutte, agevolmente in moto o in macchina, con più difficoltà se a bordo di una corriera o con un camion, ma mai a piedi! La precedenza è sempre a sinistra e quando ci si è dento si può decidere se svoltare oppure fare la classica inversione a U.

IMG_1710Negli ultimi anni hanno letteralmente invaso le nostre strade! Sono come i funghi, sembrano non esserci  per comparire all’improvviso un istante dopo. Non esiste una regola che ne stabilisca luoghi o dimensioni, si possono costruire in qualunque posto o incrocio, dove ieri non c’era nulla domani potrà nascerne una. IMG_1711Hanno mandato in pensione molti semafori anche piuttosto complessi, come le due esistenti tra via Stalingrado – via Vittime di Brescia e via Pirandello – corso Tardy e Benech, migliorando notevolmente circolazione e sicurezza.

rotatoria Legino

Tuttavia ce ne sono altre che non sono venute proprio bene, a volte riescono a formare dei veri e propri ingorghi come quella tra corso Mazzini, via Gramsci e la darsena. Altre sono allungate e ovali come quella sotto la Torretta. La mezza luna di Legino, ricavata intorno alla chiesa, rappresenta un esemplare di incomprensione unico al mondo, specialmente per chi non è del posto.

C’è poi anche quella scomparsa, cioè costruita e poi demolita (per sopraggiunto ripensamento o forse perché la manovra delle corriere diventava difficoltosa) come quella tra via Buozzi e via Chiavella, a testimonianza della sua “venuta” ci sono ancora i marciapiedi sagomati per accoglierla. rotatoria quadrata Piazza MameliLa più famosa in città non ha neppure una forma circolare, in piazza Mameli si “ruota” attorno ad un perimetro rettangolare. Ma ne esistono anche in attesa di nascere da anni, come a Zinola davanti alla chiesa (con buona pace dei commercianti della zona), oppure altre che sarebbe stato meglio non fossero mai esistite, come quella troppo piccola davanti al nuovo supermercato Ekom in via Nizza.

IMG_1709

Per concludere, un doveroso benvenuto all’ultima nata e ancora in fase di completamento, tra corso Vittorio Veneto, via Cimarosa e via san Michele. Un po’ piccola, è vero, ma necessaria per regolare un incrocio da sempre pericoloso. È giusto accogliere con soddisfazione nuove infrastrutture quando veramente utili. Forse non la vedremo mai colorata d’azzurro, sebbene sia vicinissima al mare, perché le dimensioni ridotte non lo consentono, tuttavia conteremo molti meno feriti di un tempo.

IMG_1707

IMG_1708

IMG_1712

rotatoria via stalingrado corso tardy e benech

Annunci

2 thoughts on “Il senso antiorario di Savona

  1. Fermo sostenitore della validità delle rotonde. Purtroppo quelle Savonesi (e italiche in genere) sono spesso disegnate da chi probabilmente non ha neppure la patente.
    Per me la più assurda è quella all’ingresso dell’ospedale; chi la prende uscendo dal nosocomio e vuole andare nella discesa che porta dalla capitaneria di porto, si trova a percorrere un pezzo di strada sulle strisce pedonali e contromano ! Unica nota positiva: chi si ferisce qui è praticamente già dentro al pronto soccorso.
    Il suggerimento è quello di “spostarla” a monte di quanto basta per far si che includa anche la “vecchia” strada per Albisola.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...