Se il Matteo che guida la ruspa è Renzi

di Matteo Lai.

L’annosa questione meridionale? “Un piagnisteo”. Il salvataggio dell’inquisito Azzolini? “Non siamo passacarte della Procura”, “Una questione di maturità”. Marchionne? “Sono gasatissimo dai suoi progetti”. Il sindacato? “Mi piacerebbe arrivare al sindacato unico”. Questi e molti altri ancora sono i punti salienti del Renzi pensiero. Una arroganza e una mancanza di confronto che fanno apparire le “ruspe” dell’altro Matteo, Salvini, vera e propria acqua fresca. Eh sì. Perché se il supergiovane Salvini le spara grosse, il boy fiorentino ha invece il potere di farle, grosse.

Firenze, sopralluogo del Sindaco Matteo Renzi nel parco delle Cascine, nella foto Renzi mentre manovra le ruspa per abbattere il Meccanò 2013/08/10 © Niccolò Cambi/Massimo Sestini

E se il presidente-segretario è partito democratico, sicuramente sta proseguendo autoritario. Zittisce la minoranza interna (tra l’altro non particolarmente incisiva), umilia i sindacati (le rare volte che provano a mettersi di traverso), aizza i propri fedelissimi contro chiunque metta in dubbio il suo verbo e la sua azione. Un’arroganza mai vista, soprattutto se ci ricordiamo che, alle primarie Pd per la scelta del candidato presidente del consiglio, era stato sconfitto. Ma la memoria corta degli italiani e la loro propensione ad innamorarsi di chiunque proponga ricette miracolose, hanno permesso la sua ascesa a Palazzo Chigi.

IMG_0618Il risultato è quello che stiamo vivendo tutti. E’ il Giamburrasca della politica, che non solo realizza il peggio della destra berlusconiana, ma dà anche voce alla pancia di quella parte di Paese. Il tutto dichiarandosi di centrosinistra. L’Italia che Renzi e i suoi accoliti ci stanno regalando è un’Italia peggiore, meno solidale e più arrivista. Purtroppo, però, nessuno disturba (realmente) il conducente.

Resta solo un dato di fatto. Gli italiani si innamorano, spesso perdutamente, degli uomini che “hanno sempre ragione”. Allo stesso modo, però, li abbandonano non appena inizia la loro discesa. Un bagno di umiltà potrebbe essere positivo, per il Matteo che viene dalle sponde dell’Arno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...