Lo spessore istituzionale di Cicciulin

di Matteo Lai.

In una giornata cupa e piovosa, caratterizzata dal freddo pungente, reso ancora più fastidioso dal forte vento, è sbarcato in porto il re del carnevale savonese, Cicciulin. Come se le condizioni meteo non bastassero a rendere sufficientemente triste l’avvio di quel momento dell’anno che, per tradizione e definizione, dovrebbe essere il più allegro, a rendere più mesta la giornata è arrivato anche il discorso del sindaco, Ilaria Caprioglio.

img_1552La prima cittadina, rivolgendosi allo scarsissimo pubblico, ha infatti consegnato le chiavi della città alla maschera savonese con un intervento che – ai più – è parso più fuori luogo di una risata ad un funerale. In primo luogo, ha esordito dicendosi non certa di voler riprendere le chiavi di Savona, alla fine del carnevale, proseguendo poi con una serie di battute sulle “casse vuote” del Comune, concludendo – infine – con un plauso ai dipendenti dell’ente che, nel momento di crisi, stanno facendo la loro parte; in soldoni: si sono fatti tagliare lo stipendio senza troppo recriminare. In realtà, la giornata piovosa ha reso più facile il compito della nostra sindaca, parsa comunque incerta, nonostante la folla fosse più degna di un comizio di Adinolfi che di un carnevale.

Immaginiamo come l’accenno alle casse vuote sarebbe stato accolto da un esercito di mamme, rese già inferocite dagli aumenti a pioggia su asili nido e mense. Allo stesso modo, un sindaco che – dopo nemmeno sei mesi – è al minimo storico di popolarità, dovrebbe evitare accenni a possibili passi indietro, anche se fatti scherzosamente: il rischio concreto è quello di raccogliere uno scrosciante applauso, ma di scherno.

img_1553Siamo anni luce distanti dal discorso dell’anno scorso, pronunciato dal vicesindaco Livio di Tullio; al netto di qualsiasi valutazione politica ed anche amministrativa, la gigioneria dimostrata, unita al corretto uso del dialetto, lo aveva fatto apparire il vero maestro di cerimonie. Chissà, forse anche in questo caso sarebbe stato meglio che a fare gli onori di casa fosse l’assessore Montaldo, quello che ogni giorno di più sembra il vero ‘dominus’ dell’amministrazione savonese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...