Bonucci jr, ora anche basta

di Osvaldo Ambrosini.

Pur consapevole che questo articolo mi esporrà a molte critiche, quando non addirittura ad accuse di insensibilità o antisportività, soffrendo da tempo di incontinenza verbale sono costretto mio malgrado a rendere pubblico un pensiero maturato in questi ultimi tempi, alimentato oltremodo dalle cronache sportive che quasi quotidianamente ci aggiornano sulla situazione.

La rubrica fissa di questi ultimi mesi riguarda uno dei due figli del difensore della Juventus, Leonardo Bonucci. Non mi riferisco quindi al più piccolo, di cui purtroppo abbiamo conosciuto le sofferenze causate da problemi di salute piuttosto seri ma che, per fortuna, sembrano essere stati superati.

Attualmente il figlio più famoso è il più grande, Lorenzo di circa 5 anni, che fortunatamente oltre a godere di ottima salute, ha anche un cuore che batte per l’altra squadra di Torino, l’antagonista per antonomasia della Juventus. Di per sé non sarebbe neppure una notizia così clamorosa: in città come Milano, Torino o Genova, forse a Roma capita meno, può succedere che i figli, oltre a non seguire la fede calcistica dei padri si appassionino, talvolta per dispetto, proprio della squadra rivale. Ma se tifare contro la squadra del proprio genitore rientra nell’alveo dei normali conflitti generazionali, fa sicuramente notizia scoprire che un figlio tifi per l’opposta squadra cittadina di cui il proprio padre non è soltanto un semplice tifoso, ma rappresenta anche uno dei giocatori simbolo della squadra entrata nella storia del calcio italiano per aver vinto 6 scudetti consecutivamente, insomma uno dei protagonisti assoluti della Juventus.

Sarà che negli anni la mia personale fiducia nel genere umano è piuttosto diminuita, ma il pensiero che la fede calcistica del piccolo Lorenzo appaia costruita a tavolino da un bravo addetto alla comunicazione della famiglia Bonucci, finalizzata ad un ritorno di immagine non indifferente, potrebbe essere più che una semplice ipotesi di un malpensante. Se un giocatore della Juve del livello di Bonucci, da considerare ormai a pieno titolo una bandiera del club, avesse avuto un figlio bianconero non sarebbe stata una notizia. Crescere invece un figlio granata, assecondandolo nel coltivare l’amore verso la propria fede clacistica, è invece diventata la notizia dell’anno riportata da tutti i media e descritta come la sublimazione della sportività all’interno di una famiglia, insomma un spot per il calcio.

La foto diffusa dal calciatore che lo ritraeva allo stadio Olimpico di Torino insieme al figlio, vestito della maglia granata ad una settimana dal derby della Mole, ha fatto il giro del web facendo incetta di like e commenti positivi da parte di tutti. Certo rivedere Lorenzo qualche settimana più tardi festeggiare lo scudetto sul terreno dello Juventus Stadium, vestito con la maglia bianconera insieme a tutta la famiglia, ha fatto irritare la pelle a più di una persona oltre che, si spera, quella del piccolo Lorenzo. L’ultimo atto, per ora, della storia d’amore tra Lorenzo e la sua fede granata è di qualche giorno fa quando il piccolo ha potuto finalmente perdonare il padre per averlo costretto a partecipare alla festa juventina, incontrando l’idolo di tutti i tifosi del Toro: il Gallo Belotti. Forse sarebbe più corretto dire che il privilegio lo abbia avuto Belotti, non è da tutti poter incontrare il tifoso del Toro, costruito in laboratorio, più famoso del momento.

Dalla famiglia Bonucci riceviamo quindi un doppia lezione: la prima su come si possa sfruttare positivamente una storia inconsueta sull’eterna rivalità tra padre e figlio, con un ritorno mediatico senza precedenti. L’altra invece un vademecum completo su tutto quello che non si dovrebbe fare in materia di protezione della riservatezza dell’immagine dei propri figli, specialmente quando i genitori sono personaggi molto noti. Ma questa è un’altra storia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...