Il negazionismo renziano

di Matteo Lai.

Nonostante il buon Orfini si arrampichi sugli specchi per spiegare che – in realtà – la Caporetto dei ballottaggi non è una sconfitta, la debacle subita domenica dal Pd è abbastanza evidente, soprattutto considerando la sconfitta in roccaforti storiche della sinistra come Genova, La Spezia, Pistoia e Sesto San Giovanni. In realtà, ci sono almeno cinque motivi principali per cui la disfatta ha assunto proporzioni bibliche. Continua a leggere

Annunci

Ajeje Brazorf a Savona

di Osvaldo Ambrosini.

L’azienda di trasporti pubblici savonese, la TPL, un po’ come tutte le municipalizzate, non sta attraversando un buon momento. Tra l’altro il suo presidente Strinati, da quanto si apprende dai giornali, rischia l’esonero, ora che gli equilibri politici in provincia, dopo le ultime amministrative, sono cambiati e anche parecchio, sbilanciati verso il centrodestra. Continua a leggere

Il renzismo vi seppellirà

di Osvaldo Ambrosini.

Perdere Genova non è una sconfitta qualunque, perdere La Spezia ancora meno, per non parlare di Pistoia, L’Aquila o Sesto San Giovanni. Eppure, come sul Titanic, nessuno dell’equipaggio si è scomposto mentre si puntava dritti contro un iceberg. Continua a leggere

14 giugno 1940, le prime bombe su Savona e Vado

E’ l’alba del 14 giugno 1940. Sono passati solo quattro giorni da quando Mussolini, acclamato dalla folla di piazza Venezia, ha presentato la dichiarazione di guerra agli ambasciatori di Francia e Regno Unito, credendo alla favoletta della guerra-lampo, raccontata dall’alleanto nazista. Continua a leggere

Costa Crociere: filantropia savonese

di Osvaldo Ambrosini

Ora che i giovedi delle notti bianche savonesi sono salvi, siamo tutti molto più sereni, e non è ironia. Se c’è una manifestazione riuscita in città, giunta ormai al decimo anno di vita, è proprio questa. Trovare gente a piedi per le vie della centro dopo le otto di sera – Darsena esclusa – è da sempre una delle imprese più difficili a Savona, seconda solo a quella di trovarvi anche dei locali aperti. Continua a leggere

Fascisti savonesi 1 fascisti genovesi 0

di Osvaldo Ambrosini.

Nello specialissimo derby ligure tra nostalgici, i rappresentanti della città savonese hanno indubbiamente vinto la sfida, a distanza di un anno, con i colleghi genovesi. Questo non perché a Savona siano riusciti, grazie alla vittoria alle amministrative del centrodestra, ad infilarsi tra le maglie dell’amministrazione comunale, cosa che è accaduta, ma è soltanto un effetto non la causa. Continua a leggere

Renzi, il pancista benpensante 

di Matteo Lai.

Non possiamo negare che Matteo Renzi non ci stia simpatico. È un personaggetto. Furbo, scaltro, ma di second’ordine, che solo la politica odierna, messa male com’è, ha potuto elevare a leader. Continua a leggere