14 giugno 1940, le prime bombe su Savona e Vado

E’ l’alba del 14 giugno 1940. Sono passati solo quattro giorni da quando Mussolini, acclamato dalla folla di piazza Venezia, ha presentato la dichiarazione di guerra agli ambasciatori di Francia e Regno Unito, credendo alla favoletta della guerra-lampo, raccontata dall’alleanto nazista. Continua a leggere

Savona, buco di bilancio: ecco il responsabile 

Effettivamente era da un po’ che se ne stava parlando, ma nessuno aveva mai realmente fatto i conti di quanto ammontasse l’ammanco nelle casse del Comune di Savona. Le colpe? Come sempre accade in questi casi non sono mai di nessuno, eppure tutti sapevano che da qualche parte questi soldi sarebbero dovuti finire, non era tecnicamente possibile credere che gli indebitamenti del Comune potessero raggiungere certe cifre. Continua a leggere

Savona, 1984: la tragica corsa del treno 

Per lungo tempo è stato ospitato in varie zone della stazione, chiuso nella sua teca di vetro, circondato da una barriera di corda, tenuta su con pali fatti di pezzi di binario, per evitare che qualche viaggiatore frettoloso lo scontrasse e lo facesse finire a terra. Continua a leggere

Il Processo di Savona: le radici della Resistenza

Ormai in pochi sanno che a Savona, nel 1927, si svolse un processo di particolare rilevanza, contro coloro che sarebbero diventati i capi dell’antifascismo militante e della Resistenza. Questo procedimento giudiziario ebbe inoltre un’altra importante peculiarità: sebbene il Tribunale Speciale per la difesa dello Stato fosse già attivo, questo fu l’ultimo processo per reati politici svolto da un Tribunale penale ordinario. Continua a leggere

Savona, l’alluvione del 1900

Tutti i savonesi ricorderanno la tragica alluvione del settembre 1992. I più giovani, magari, solo per il racconto dei genitori o dei fratelli maggiori, ma quell’evento ha un po’ cambiato, in maniera irreversibile, non solo il nostro modo di vivere, ma anche la geografia dei luoghi che ci erano familiari.

Continua a leggere

Savona, 8 maggio 1945: la stage dei ragazzini

“L’8 maggio 1945 per atroce beffa del destino decine di ignari passanti che la guerra aveva risparmiato perivano qui nel crollo provocato da scoppio di materie esplosive. Davanti al tribunale di Dio segnamo anche questi morti sul conto dei pazzi criminali che vollero la guerra”. Continua a leggere

L’esplosione del forte Sant’Elena

Sono le dieci di sera del 25 ottobre 1921. Un incendio boschivo si avvicina pericolosamente al forte di Sant’Elena, posto sull’omonimo monte, al confine tra Bergeggi e Vado Ligure. In altre occasioni gli altri forti savonesi, situati in zone boschive – quelli della Madonna degli Angeli, della Madonna del Monte e di Monte Ciuto – sono stati lambiti dalle fiamme, senza che nulla accadesse. E’ questa la considerazione che deve tranquillizzare i sette militari di stanza nella fortificazione. Continua a leggere