Savona saluta la Cena in bianco

di Osvaldo Ambrosini.

Tutto ebbe inizio quattro anni fa quando, in Piazza Sisto IV proprio davanti al palazzo comunale, circa 400 persone giunsero tutte vestite di bianco portandosi da casa tavoli, stoviglie e cibo già cucinato, per quello che sarebbe dovuto diventare il nuovo appuntamento cittadino di fine estate. Continua a leggere

Gloria vince Masterchef 

di Osvaldo Ambrosini.

È il titolo col quale avrebbe voluto aprire l’edizione dell’altra sera il più noto giornale online della provincia, dichiaratamente schierato fin dalle prime puntate dalla parte della concorrente di Tovo San Giacomo e che, probabilmente, non le ha reso un gran servizio, diventando involontariamente cassa di risonanza dei mal di pancia degli spettatori della provincia che non hanno certo gradito il caratterino della conterranea. Continua a leggere

Logiche savonesi

di Osvaldo Ambrosini.

Chiedere che vengano controllate le licenze e le autorizzazioni di una nuova attività in darsena, per altro sui generis, viene considerato dall’opinione pubblica un affronto alla nuova attività e all’imprenditoria giovanile. Analogamente aver segnalato all’autorità giudiziaria un uomo, sebbene padre di famiglia e sicuramente bravissima persona, che entra in tribunale con un coltellino nelle tasche (normalmente utilizzato per tagliare la frutta ai propri figli) è considerato dai savonesi eccesso di zelo da parte di chi è preposto alla sorveglianza e al controllo della sicurezza. Continua a leggere

La bimba, la sindaca e la mensa: oltre la polemica

di Billy The Kid.

E’ di oggi la polemica, rilanciata su un quotidiano online locale, nata in seguito a una lettera scritta al sindaco di Savona da parte di una bambina, che lamentava di non poter mangiare a scuola “le cose buone della mamma”. In un momento di rincari dei servizi alle famiglie (non solo della mensa, ma anche degli asili nido), – e premettendo che sia realmente la piccola ad aver scritto la missiva – la pargoletta mano non poteva vergare scritto più esplosivo. Continua a leggere

Le rivoluzioni, a tavola, dei savonesi

di Matteo Lai e Osvaldo Ambrosini.

La storia ci insegna che assai raramente l’italiano si è sollevato in massa contro un tiranno, un occupante straniero o per realizzare una rivoluzione. Probabilmente in un futuro più o meno lontano gli scienziati scopriranno che questa tendenza non è dovuta a una scarsa coscienza civile ma a un gene, presente anche nel patrimonio genetico dei savonesi, nonostante la Medaglia d’oro per la Resistenza.  Continua a leggere

Savona, la “cena in bianco” resta sullo stomaco

di Matteo Lai.

Su queste pagine (virtuali) abbiamo già trattato della cosiddetta “cena in bianco”. Quest’anno ci siamo ripromessi di non riprendere l’argomento. Nonostante il continuo sentore di “puzza sotto al naso” che questa iniziativa continua ad emanare. Continua a leggere

Liguria, ferragosto: turista non ti conosco

di Matteo Lai.

Il ligure, di suo, non è che sia portato per il turismo. O meglio: amerebbe un turismo d’élite – sul tipo belle epoque – poche persone, selezionatissime e che, soprattutto, spendono un sacco. Purtroppo una sfortunata congiuntura astrale, unita alla deriva dei continenti e alla tardiva industrializzazione italiana, l’hanno posta vicino alle metropoli di Torino e Milano, i cui abitanti sono ben lieti di avere le spiagge che si estendono dalla Spezia a Ventimiglia a poco più di un’ora d’auto. Continua a leggere