Genitori, il mestiere di educare

di Daisy Duck.

Qualche giorno fa un amico mi ha fatto notare una cosa che – nella sua cruda verità – è semplice ma anche sconvolgente: “Non ci hanno educato al fatto che educare i propri figli, che poi saranno studenti, lavoratori, genitori e pensionati, sia il più importante ed imprescindibile investimento che si possa fare.” Continua a leggere

Annunci

Savona, la città dei cani Highlanders

di Osvaldo Ambrosini.

È dalla settimana prima di Natale che i quotidiani locali, un giorno sì e l’altro anche, ci propinano almeno una notizia al giorno sulle reazioni all’ordinanza del sindaco Caprioglio che, in sostanza, vieta il centro cittadino ai cani. Continua a leggere

Fertility day: e poi?

di Daisy Duck.

In Italia una lavoratrice madre ha diritto a cinque mesi di maternità obbligatoria – normalmente suddivisi tra due mesi prima e tre mesi dopo la nascita del bambino – a cui si aggiungono sei mesi di congedo parentale retribuito al 30%. Continua a leggere

Il mio regno per un sacchetto

di Matteo Lai.

In questi giorni l’indignazione del popolo italico si è scatenata sull’obbligo di rendere a pagamento i sacchetti dell’ortofrutta. Il prezzo di ciascun sacchetto si assesta, in media, sui 2/3 centesimi, eppure tanto è bastato per creare una sollevazione popolare – pardon – virtual-popolare. Continua a leggere

L’altalena

di Osvaldo Ambrosini.

Quando ero adolescente, tra le ‘strane’ pratiche che stavano alla base del vivere civile, inculcate dalla mia famiglia e dalla scuola come regole fondamentali per una civile convivenza, oltre all’obbligo di salutare sempre per primo qualora mi trovassi di fronte a persone più grandi, a cedere il posto sull’autobus alle persone anziane, vi era anche l’obbligatorio rispetto verso le autorità. Continua a leggere

La povertà non è una malattia

di Osvaldo Ambrosini.

In questi giorni a Roma la polemica si è spostata da Spelacchio, l’albero di Natale forse più brutto sicuramente più famoso del mondo, alle panchine di via Giovanni da Procida, recentemente accessoriate di dissuasori per impedire ai senzatetto di poterci dormire sdraiandosi sopra. Continua a leggere

La solitudine del neo genitore

di Daisy Duck

Decidi di fare dei figli e i tuoi amici ti dicono: “fai bene!’” e quando rimani incinta sono tutti felici per te. Quando nasce sono lì in sala d’attesa che aspettano con ansia di sentire il primo vagito. Durante il ricovero in ospedale ti vengono a trovare, con mille domande, oltre a tutta la felicità immensa per la nascita di questo bambino che riescono ad esprimere. Continua a leggere