Ciao ciao asili nido!

di Matteo Lai.

Durante la campagna elettorale del 2001, in un programma satirico trasmesso sulle reti Rai, c’era uno sketch dove Guzzanti (figlio) faceva le peggio cose, fino a quando una voce non lo interrompeva dicendo: “Ma questo non si può fare” e lui, pronto: “Certo che si può! Siamo nella Casa delle Libertà”. Continua a leggere

Annunci

Asili nido e liste d’attesa: un fallimento

di Daisy Duck.

I servizi alla persona, quelli realizzati e offerti da enti pubblici, dovrebbero essere – teoricamente – universalistici e di buon livello. Tuttavia, in tempi di ‘vacche magre’, ci si accontenterebbe che fossero mantenuti livelli di sufficienza e che il servizio offerto fosse declinato in maniera da rivolgersi a chi ha veramente bisogno. Continua a leggere

Savona in saldo

di Matteo Lai.

Dopo la stagione delle chiusure, iniziata con il botto con la chiusura – in rapida successione – del nido di via San Lorenzo e della piscina comunale di piazzale Eroe dei Due Mondi, poi proseguita in uno schizofrenico taglio di nastri legati a iniziative private (prima fra tutte: l’inaugurazione del temporary shop del Genoa) e di serrate di luoghi pubblici (il piazzale del Priamar, il controviale di corso Tardy e Benech), già da qualche tempo si aggira, per la città della Torretta, lo spettro del salvifico intervento privato. Continua a leggere

Asili: un’eredità per Savona, non per Villapiana

di Matteo Lai.

La strategia dell’attenzione della giunta Caprioglio, che la porta a comunicare compulsivamente qualsiasi avvenimento sia appena appena degno di nota, ha come contropartita un flusso di notizie incontrollabile, che può portare anche a incorrere in momenti che – ad una più attenta lettura – sono di vero imbarazzo. Continua a leggere

Via Mignone, barriere architettoniche come se piovesse

di Matteo Lai.

Ormai da qualche anno si parla di abbattimento delle barriere architettoniche e mobilità sostenibile. Un abbinamento che dovrebbe portare a favorire non solo gli spostamenti col mezzo pubblico, ma anche quelli pedonali. Tuttavia, in un momento in cui l’azienda di trasporto pubblico sta per subire dei tagli – che sicuramente si riverseranno anche sul numero delle corse e sui collegamenti delle varie zone – una zona della città rischia di pagare un dazio pesante. Si tratta della zone di via Mignone e della Rusca, un’area dove vivono circa tremila savonesi. Continua a leggere

Savona, sconto se “salti” scuola per pattinare

di Matteo Lai.

Bocciate figli del popolo, che rimanga qualche idraulico. La celebre, caustica battuta di Marcello Marchesi sembra attanagliarsi perfettamente alle linee programmatiche dell’amministrazione savonese, in materia di educazione dei fanciulli. In neppure un anno abbiamo infatti assistito a una serie di sforbiciate degne dei più celebri acconciatori. Peccato che in questo caso ad essere acconciati, anzi, conciati per le feste siano state le famiglie. Molte le colpe della precedente giunta che sicuramente ha portato la città sull’orlo del baratro, mentre l’attuale le sta facendo fare il decisivo passo avanti. Nel vuoto. Continua a leggere

Asili nido: parole, parole, parole…

di Matteo Lai.

La riunione sul destino degli asili nido savonesi, preannunciata con soli due giorni di anticipo, vede una Sala Rossa strapiena. Non sono presenti solo i genitori dei bambini del plesso di via San Lorenzo, ma anche molti altri, spaventati per la prospettiva di vedere una riduzione dell’offerta, oltre agli educatori della cooperativa che gestisce il servizio. La prima cittadina arriva con un accademico ritardo. Non saluta nessuno, non si presenta e, quasi immediatamente, inizia a sciorinare una sfilza di dati sulla riduzione del personale comunale. Continua a leggere