Savona, avanzi di antifascismo

di Matteo Lai.

Fino a qualche anno fa avremmo giurato che l’antifascismo fosse nel DNA di Savona. Oggi ne dubitiamo molto. C’è addirittura chi considera l’essere fascista come una opzione percorribile o, comunque, non disdicevole. Continua a leggere

Annunci

Savona, provincia di Genova

di Matteo Lai.

Le giunte Ruggeri e Berruti che hanno tetto le sorti di Savona dal 1998 al 2016, hanno prodotto risultati ampiamente deludenti, dando il via alla più vasta cementificazione che si sia vista all’ombra della Torretta, dagli anni ‘60 ad oggi, ponendo le basi per i molti disastri odierni Continua a leggere

Notti magiche

di Matteo Lai.

Come tutti, ho un mondiale del cuore. Uno che mi è rimasto particolarmente impresso. Per molti, sicuramente, è il Mundial dell’82, per i più anziani potrebbe essere Messico ‘70 – quello di Italia-Germania 4-3 e dell’ultima Coppa Rimet -, per i più giovani è sicuramente quello del 2006 e dell’ultima vittoria. Non è così per me. Continua a leggere

Il trip advisor degli ospedali savonesi

di Matteo Lai
Per caso, dovendo cercare un’informazione sull’ospedale San Paolo, mi sono imbattuto in un qualcosa che – sebbene sapessi esistere – non avevo mai visualizzato: le recensioni di Google. Ebbene sì: ormai anche gli ospedali, alla stregua di una trattoria o di un albergo, possono essere recensiti. Ovviamente questo dà la stura a commenti di quel tipo di soggetto che, oggi, va per la maggiore: il tuttologo, una figura sdoganata dal ministro dell’Onniscenza, Matteo Salvini.

Continua a leggere

Fraterni saluti alla sinistra

di Matteo Lai.

Fortuna o età han deciso di farmi sfiorare quel periodo storico in cui la sinistra italiana, pur essendo in pesante trasformazione, conservava ancora alcuni linguaggi e riti – diciamo così – Novecenteschi. A cavallo tra gli anni ’90 ed il primo quinquennio del Duemila, le lettere si concludevano ancora con “fraterni saluti”, ci si chiamava “compagne” e “compagni”, le sezioni esistevano ancora ed esisteva una base politico-culturale comune entro la quale ci si riconosceva. Continua a leggere

Il contrappasso renziano

di Matteo Lai.

I gufi laureati, il ciaone, i rosiconi, i professoroni, i vecchi tromboni. Tutti termini messi in campo da Matteo Renzi nella sua comunicazione politica semplificata, si direbbe quasi “for dummies”, e che oggi gli vengono rivolti contro, in una sorta di pena del contrappasso quasi dantesca. Continua a leggere

Savona: aspettando il colpo di grazia

di Osvaldo Ambrosini.

Se tra gli obiettivi di questa amministrazione ci fosse la volontà di restare per sempre nella memoria dei cittadini e nella storia di Savona, dopo gli enormi tagli al sociale e la chiusura di numerosi luoghi a disposizione della comunità – come la piscina del Prolungamento, il cortile del palazzo Santa Chiara, l’asilo del quartiere più popoloso e tanto altro ancora – andrebbe quantomeno rassicurata sulla questione: obiettivo perfettamente raggiunto in meno di un paio d’anni di mandato. Continua a leggere