Giletti 2, il ritorno

di Osvaldo Ambrosini

La prima puntata di “Non è l’arena”, emigrato su La 7 dopo lo strappo con la Rai, dati auditel alla mano, ha riscosso un ottimo successo, quasi il 9% di share in una rete che la domenica sera faceva mediamene l’1,5%. Tuttavia la serata, incentrata essenzialmente sull’arresto di Tulliani – cognato dell’ex presidente della camera Gianfranco Fini – poteva essere organizzata meglio a partire dalla qualità degli ospiti, scelti per fare la morale all’ex presidente di An. Continua a leggere

Annunci

Anna Frank vs Giuseppina Ghersi: gli accostamenti impossibili

di Osvaldo Ambrosini.

Ci sono cose che voi umani non potete neppure immaginare, eppure noi di Savona riusciamo sempre a tirare fuori qualcosa di peggiore, rispetto al resto del mondo, anche quando il resto del mondo riesce a dar prove così negative di sé che sembrerebbe impossibile superare. Continua a leggere

C’era una volta Savona

di Matteo Lai.

La nostra società sembra ormai di plastica, dove il lavoro ed i suoi strumenti sembrano offendere l’occhio di chi guarda, privarlo della bellezza dei luoghi. Un tempo, fino a poco tempo fa, era normale vedere – ad esempio – le barche sulla spiaggia, senza che queste venissero considerate un attentato alla sicurezza dei bagnanti e rinchiuse in “riserve indiane” come avvenuto a Zinola, Continua a leggere

Lettera da San Francisco, la solidarietà dei savonesi

di Osvaldo Ambrosini.

Sarà forse perché la distanza dai fatti permette una analisi più obiettiva, o forse perché ciò che sta succedendo a Savona avrebbe bisogno di un briciolo di umana solidarietà in più (che purtroppo sembra essere scomparsa sotto la Torretta), ma è difficile rimanere indifferenti di fronte al caso della bambina savonese ipovedente residente nel campo nomadi di via Fontanassa, sfrattata perché la sua casetta risulta essere abusiva. Continua a leggere

Savona: tanto peggio, tanto meglio

di Osvaldo Ambrosini .

Per indicare la nostra città esiste un vecchio detto in dialetto genovese, che recita più o meno cosi: “andemmu a Savunn-a quellu paise dunde i fiôri e ciamman sciôe”. Un detto per la verità un po’ datato, vuoi perché “scioe ghe n’è sempre menu”, vuoi perché a parlar dialetto sono rimasti in pochi. Continua a leggere

Ata, sbagliare è umano perseverare è diabolico

di Osvaldo Ambrosini.

Com’era prevedibile l’asta indetta dalla municipalizzata savonese per la vendita di 159 posti auto nella via privata dell’ex area ferroviaria posta tra via San Michele e Via Leoncavallo, è andata pressoché deserta. Delle 11 offerte presentate, 7 erano indirizzate ai posti più piccoli, parcheggi ampi appena 9 metri quadrati. Di queste una non è stata ammessa per irregolarità e delle restanti 6, soltanto 2 contenevano un’offerta pari alla cifra base stabilita, 20.500 euro, quattro invece hanno rialzato la posta, una addirittura di 4100 euro e 99 centesimi (senza contare i circa 1300 euro che dovranno essere comunque spesi da tutti per le spese notarili). Continua a leggere

Vaccarezza e i fantasmi di nero vestiti

di Matteo Lai.

La bandiera e il crocefisso sono gli unici valori in cui ci riconosciamo. Questa, tra le altre, è stata una delle frasi pronunciata dal consigliere regionale Angelo Vaccarezza, nel corso della cerimonia con la quale si è inaugurata la targa dedicata alla giovanissima collaborazionista Giuseppina “Pinuccia” Ghersi. Continua a leggere