I ragazzi del ’99 di Renzi

di Matteo Lai.

La trovata di inserire venti giovani neppure trentenni (o millenials, come si usa dire oggi) nella direzione del Partito Democratico, tutti in quota renziana, ha sicuramente scosso gli equilibri di un partito che spesso – anche nei suoi antenati Ds e Margherita – ha vissuto i giovani quasi come un corpo estraneo, al massimo da sbandierare come trofeo quando si parlava di svecchiamento della politica.. Continua a leggere

Orlando, portatore d’acqua di Renzi

di Matteo Lai.

La sinistra si dimostra, ancora una volta, incapace di unità, persino nelle scissioni. Dopo anni di umiliazioni subite dagli ex Ds in seno al Pd targato Renzi, dopo un lungo periodo in cui tutto quello che faceva parte di quel mondo è stato bistrattato e messo in soffitta, con politiche liberiste e svolte populiste, finalmente sembrava che qualcuno battesse un colpo. Continua a leggere

Pd: caro Massimo, te l’avevamo detto

di Matteo Lai.

Quando nella stagione 2007/2008 i due maggiori partiti del centrosinistra, Ds e Margherita, non trovarono altra opzione per sfuggire all’emorragia di consensi che aderire al progetto veltroniano del Partito Democratico, furono veramente poche le voci che si levarono in dissenso a questo dissennato progetto di partito/minestrone, quasi tutte interne ai Ds. Continua a leggere

Gli #hashtag del 2016 savonese

di Osvaldo Ambrosini.

Se dovessimo raccontare l’anno appena trascorso attraverso gli hashtag, metodo tristemente diffuso anche in ambito politico, bisognerebbe iniziare citando l’ormai celebre #enjoy adottato da Gianluca Vacchi, il fortunato imprenditore (?) che vive di rendita, reso famoso più dai social media che per le capacità imprenditoriali. Continua a leggere

Ilaria Caprioglio ostetrica per un giorno

di Matteo Lai.

Tra un taglio di nastro e un taglio ai servizi, il nostro sindaco ha anche trovato il tempo di tagliare un cordone ombelicale. No, no, tranquilli, non si tratta né di quello che la lega a Toti né di quello che – giocoforza – la costringe mani e piedi all’assessore al Bilancio, Montaldo, vero dominus di questa amministrazione. E’ invece, seppur figurativamente, un vero e proprio cordone ombelicale, anzi, due. Continua a leggere

L’arte d’abbandonar la barca che affonda

di Matteo Lai.
Leggenda metropolitana o meno, pare che gli animali abbiano la capacità di captare situazioni di pericolo prima ancora che le stesse si verifichino. I cani sentono i temporali che si avvicinano quando sono ancora a centinaia di chilometri, i gatti recepiscono i terremoti qualche istante prima, mentre altri animaletti meno gradevoli e simpatici capirebbero quando la nave su cui sono imbarcati sta per affondare.

Continua a leggere

Referendum costituzionale: ma diamo i numeri?

di Osvaldo Ambrosini.

Domenica 4 dicembre sarà la 22esima occasione in cui il popolo italiano, dopo la storica scelta tra monarchia o repubblica nel lontano 1946, sarà nuovamente chiamato alle urne per un referendum popolare. Per la precisione nelle precedenti 21 circostanze sono stati sottoposti agli italiani un totale di 71 quesiti: in molti casi in una sola tornata venivano sottoposte ai cittadini più questioni, anche molto complesse e “tecniche”. Continua a leggere