Savona, avanzi di antifascismo

di Matteo Lai.

Fino a qualche anno fa avremmo giurato che l’antifascismo fosse nel DNA di Savona. Oggi ne dubitiamo molto. C’è addirittura chi considera l’essere fascista come una opzione percorribile o, comunque, non disdicevole. Continua a leggere

Annunci

Vive la France, anche se odiosa

di Matteo Lai.

Mondiale 2018. Sappiamo tutti come è finita: ha vinto la Francia e la ‘cenerentola’ croata se n’è tornata a casa non a mani vuote ma quasi: arrivare secondi o non partecipare è quasi la stessa, lo sanno bene gli olandesi, che hanno accarezzato il titolo iridato tre volte. Continua a leggere

Savona, provincia di Genova

di Matteo Lai.

Le giunte Ruggeri e Berruti che hanno tetto le sorti di Savona dal 1998 al 2016, hanno prodotto risultati ampiamente deludenti, dando il via alla più vasta cementificazione che si sia vista all’ombra della Torretta, dagli anni ‘60 ad oggi, ponendo le basi per i molti disastri odierni Continua a leggere

Savona, Costa Crociere: è qui la festa? No!

di Osvaldo Ambrosini.

La compagnia di navi da crociera più famosa nel mondo, nata a Genova nel 1948, compie 70 anni e per l’occasione ha organizzato una festa nella sua città natale, posizionando uno scivolo da record, lungo tutta via XX Settembre. Continua a leggere

Notti magiche

di Matteo Lai.

Come tutti, ho un mondiale del cuore. Uno che mi è rimasto particolarmente impresso. Per molti, sicuramente, è il Mundial dell’82, per i più anziani potrebbe essere Messico ‘70 – quello di Italia-Germania 4-3 e dell’ultima Coppa Rimet -, per i più giovani è sicuramente quello del 2006 e dell’ultima vittoria. Non è così per me. Continua a leggere

Nuova passerella sul Priamar, tra quanto la chiudiamo?

di Osvaldo Ambrosini.

Non vorremmo fare la parte dei disfattisti, ma la nuova passerella realizzata sul lato sud della fortezza del Priamar, con vista autoparco portuale, inaugurata proprio ieri, quanto durerà? Continua a leggere

Il trip advisor degli ospedali savonesi

di Matteo Lai
Per caso, dovendo cercare un’informazione sull’ospedale San Paolo, mi sono imbattuto in un qualcosa che – sebbene sapessi esistere – non avevo mai visualizzato: le recensioni di Google. Ebbene sì: ormai anche gli ospedali, alla stregua di una trattoria o di un albergo, possono essere recensiti. Ovviamente questo dà la stura a commenti di quel tipo di soggetto che, oggi, va per la maggiore: il tuttologo, una figura sdoganata dal ministro dell’Onniscenza, Matteo Salvini.

Continua a leggere