Savona, il ricordo di Moro non sia di parte

di Billy The Kid.

A lasciar interdetti nelle celebrazioni savonesi del quarantennale dell’uccisione di Aldo Moro sono diverse cose. In primo luogo, la deposizione della corona su un palo della toponomastica. Non un cippo, non una stele, non una targa: un palo. Continua a leggere

Annunci

Villapiana: la musica è finita 

Ci sono alcuni gioielli Liberty che ogni buon savonese conosce: il Palazzo dei Pavoni o il Palazzo Delle Piane, volgarmente conosciuto come “delle palle” sono nell’immaginario collettivo di ogni cittadino. Ci sono poi palazzi dello stesso stile che non tutti conoscono: per esempio il Palazzo dei Gatti. Ci sono infine perle dell’art déco che solo pochi saprebbero indicare: una di quelle queste è Palazzo Verdi, posto all’ingresso dell’omonima via. Continua a leggere

I disgraziati giardini di via Verdi

di Matteo Lai.

C’è un angolo di verde savonese che sembra toccato dalla malasorte. Parliamo dei giardini di via Verdi, piccolo polmone in un quartiere densamente edificato quale è Villapiana. Ampliati ed ammodernati in seguito allo spostamento della fabbrica Magrini Galileo in Val Bormida – grazie agli oneri di urbanizzazione conseguimenti all’edificazione dell’area – circondano ora quasi completamente le scuole elementari Mazzini, in tempi più oscuri già dedicate alla madre del duce, Rosa Maltoni. Continua a leggere

Asili: un’eredità per Savona, non per Villapiana

di Matteo Lai.

La strategia dell’attenzione della giunta Caprioglio, che la porta a comunicare compulsivamente qualsiasi avvenimento sia appena appena degno di nota, ha come contropartita un flusso di notizie incontrollabile, che può portare anche a incorrere in momenti che – ad una più attenta lettura – sono di vero imbarazzo. Continua a leggere