Ileana Romagnoli: assessore alle varie ed eventuali

di Osvaldo Ambrosini.

Cosa ci facesse Ileana Romagnoli alla viabilità ed al commercio se lo sono chiesti in tanti quando il sindaco Caprioglio, nel luglio dello scorso anno, distribuì le deleghe nominando gli assessori della nuova giunta. Può darsi che il combinato disposto quote rosa – equilibrio tra i rappresentanti di Forza Italia e Lega Nord, abbia imposto la scelta tra un numero piuttosto limitato di candidate, avendo tra l’altro la Lega ancor meno esponenti al femminile di rilievo. Si finí così col puntare tutto sulla Romagnoli e sulla giovane Marozzi. Continua a leggere

Annunci

L’unico Fiano buono è quello di Avellino

di Osvaldo Ambrosini.

La storia della famiglia di Emanuele Fiano, deputato in quota Pd, è piuttosto drammatica: il padre, Nedo Fiano, ebreo deportato ad Auschwitz fu l’unico superstite di tutta la sua famiglia. Quanto basta per far scorrere nelle vene del figlio Emanuele, a distanza di molti anni, i valori più alti della nostra Repubblica come la democrazia, la libertà di esprimere il proprio pensiero e l’antifascismo. Continua a leggere

Niccoli, il riappacificatore ad orologeria 

di Matteo Lai.

Il sindaco di Noli, Niccoli, uno che già in tempi passati ha dimostrato di non essere proprio a suo agio con le nuove tecnologie, oggi ci riprova, affidando ai social network la ‘pezza’ da mettere all’affaire-Pollero, il consigliere di maggioranza che ha condotto l’operazione della prossima futura installazione della lapide dedicata a Pinuccia Ghersi. Continua a leggere

Giuseppina Ghersi: una foto falsa per confezionare meglio la storia

di Osvaldo Ambrosini.

In questi giorni il caso Giuseppina Ghersi è letteralmente deflagrato, non soltanto nella piccola Noli (dove si è deciso di dedicarle un cippo) o a Savona, ma addirittura a livello nazionale. Della povera ragazzina che ciclicamente viene brandita dalle destre nel, maldestro, tentativo di riabilitare il fascismo agli occhi della storia sappiamo ormai quasi tutto. Continua a leggere

Noli: Forza Nuova ci mette il cappello, ma va?

di Osvaldo Ambrosini.

Tanto tuonò che piovve, fu così che le celebrazioni in memoria di quella che ormai è diventata il simbolo nel savonese della “resistenza fascista” (più una bestemmia storica che un ossimoro linguistico), Giuseppina Ghersi, in arte collaborazionista un autentico mito per i nostalgici del ventennio, hanno perduto anche quell’ultimo velo che ancora faticava a nascondere le iniziali dichiarate buone intenzioni.  Continua a leggere

Memoria nolese… una cippa, anzi, un cippo!

di Osvaldo Ambrosini.

La notizia che l’amministrazione comunale Nolese abbia scelto di apporre una targa in memoria di una collaborazionista, sebbene giovanissima, è un pugno nello stomaco non soltanto all’antifascismo ma a tutte quelle organizzazioni politiche e sociali che quotidianamente contribuiscono ad una normale convivenza democratica. Continua a leggere

Savona, pedonalizzazione del centro: che barba, che noia

di Matteo Lai.

Chi si è preso la briga di leggere qualche articolo di questo blog, o addirittura seguirlo, saprà che delle decisioni amministrative dell’attuale giunta condividiamo meno della metà di niente, essendosi finora distinta per tagli e chiusure, soprattutto in ambito sociale. Continua a leggere