Savona: chi mostrâ i dinæ mostrâ û cû

di Osvaldo Ambrosini.

Mia nonna mi diceva sempre: “ricordite, chi mostrâ i dinæ mostrâ û cû”, raccomandandosi subito dopo “nu se dixe mai in giô quanto ti gûagni”. Fortunatamente per lei se n’è andata prima che la legge sulla trasparenza imponesse, per coloro che ricoprono incarichi pubblici, l’obbligatorietà di rendere noto il proprio reddito. Continua a leggere

Annunci

Una coperta tra noi e un mondo migliore

di Osvaldo Ambrosini.

Mentre a Trieste il vice sindaco Polidori rutta sui social, pregiandosi di aver gettato nella spazzatura gli effetti personali di un clochard, che nei giorni più freddi dell’anno aveva scelto un angolo del centro cittadino come giaciglio dove trascorrere le notti, Continua a leggere

L’opposizione d’ufficio del PD savonese

di Osvaldo Ambrosini.

Albenga ed Alassio, sebbene siano vicinissime, sono due realtà piuttosto differenti della riviera savonese, con economie e situazioni sociali molto diverse. Continua a leggere

Sono solo canzonette, non mettetemi alle strette…

di Osvaldo Ambrosini.

In effetti nel lontano 1980, anno in cui venne pubblicata la canzone nell’omonimo album, Edoardo Bennato, napoletano doc, aveva messo le mani avanti. Forse perché immaginava che prima o poi, demenza senile o meno, avrebbe tradito in qualche modo i suoi fan e chi credeva nella bontà delle sue canzoni. Continua a leggere

Gente che si indigna ai congressi: anche basta

di Matteo Lai.

Da quando la sinistra italiana ex-Pci ha potuto accedere al governo, non c’è assemblea congressuale, consiglio nazionale o altra assise di una certa rilevanza in cui non ci sia il giovane, la donna o – ancor meglio – la giovane donna, che si scagli contro i vertici del partito. Continua a leggere

Ciao Villa Zanelli, è stato bello

di Osvaldo Ambrosini.

Della villa in stile liberty più famosa della città conosciamo ormai praticamente tutto: quando fu costruita, da chi, chi vi abitò, per quanto tempo, a cosa fu adibita prima, durante e dopo la guerra, e il 1998 anno ufficiale dell’inizio dell’abbandono. Continua a leggere

Savona, avanzi di antifascismo

di Matteo Lai.

Fino a qualche anno fa avremmo giurato che l’antifascismo fosse nel DNA di Savona. Oggi ne dubitiamo molto. C’è addirittura chi considera l’essere fascista come una opzione percorribile o, comunque, non disdicevole. Continua a leggere