Le maratone da dimenticare

di Osvaldo Ambrosini.

Non è certamente il momento migliore per le gare podistiche, in particolare per le maratone o le half marathon che, mai come in primavera, sono tra le manifestazioni più calendarizzate nei comuni italiani ed esteri. Continua a leggere

Annunci

C’è una Candyland anche in Padania

di Osvaldo Ambrosini.

Se non fosse stato per il ruolo magistralmente interpretato da Christoph Walz nei panni del medico tedesco Schultz, cacciatore di taglie nell’America del 1800 insieme al ‘libero negro’ Django, probabilmente Samuel Leroy Jackson avrebbe vinto la statuetta come migliore attore non protagonista, nel film di Tarantino “Django Unchained”, avendo interpretato come nessuno mai il ruolo di Stephen, un nero a capo della servitù della tenuta di Candyland, dal nome del padrone schiavista Calvin Candie (Leonardo di Caprio). Continua a leggere

Lega, 80 anni dalle leggi razziali e non sentirli

di Osvaldo Ambrosini.

La settimana scorsa ha fatto scalpore la dichiarazione del candidato del centrodestra alla guida della Regione Lombardia – e probabile successore di Maroni -, il leghista Fontana, sulla salvaguardia della razza bianca. Continua a leggere

La povertà non è una malattia

di Osvaldo Ambrosini.

In questi giorni a Roma la polemica si è spostata da Spelacchio, l’albero di Natale forse più brutto sicuramente più famoso del mondo, alle panchine di via Giovanni da Procida, recentemente accessoriate di dissuasori per impedire ai senzatetto di poterci dormire sdraiandosi sopra. Continua a leggere

Animali notturni savonesi

di Osvaldo Ambrosini.

Nel giorno in cui finalmente il parlamento ha approvato la legge grazie alla quale l’inno del genovese Goffredo Mameli, il “Canto degli Italiani” – meglio conosciuto ormai come “Fratelli d’Italia” – viene stabilizzato dopo più di 70 anni di precariato, diventando ufficialmente inno nazionale, a Savona gli animali notturni di Forza Nuova hanno nuovamente esposto alcune scritte tipiche di una subcultura di estrema destra. Continua a leggere

Anna Frank vs Giuseppina Ghersi: gli accostamenti impossibili

di Osvaldo Ambrosini.

Ci sono cose che voi umani non potete neppure immaginare, eppure noi di Savona riusciamo sempre a tirare fuori qualcosa di peggiore, rispetto al resto del mondo, anche quando il resto del mondo riesce a dar prove così negative di sé che sembrerebbe impossibile superare. Continua a leggere

Non sono razzista ma

di Matteo Lai.

Una volta le nostre città e i nostri paesi erano giardini fioriti. Vivevamo tranquilli, con le nostre tradizioni, i nostri usi, i nostri costumi, tramandati nei secoli da chi ci ha preceduto. Poi dapprima lenta, poi sempre più inesorabile, è iniziata l’invasione. Sono arrivati qui con i loro linguaggi incomprensibili, con le loro donne con il capo coperto, con i loro cibi che nulla avevano a spartire con la nostra tradizione, con la loro religiosità esagerata. Continua a leggere