Liguria: il diritto è un’altra cosa

di Osvaldo Ambrosini.

Ci sono concrete possibilità, per l’amministrazione regionale ligure, di ottenere l’ennesimo successo e potersi pregiare finalmente della classica ‘manita’, mutuando una terminologia cara al gergo calcistico. Continua a leggere

Annunci

25 Aprile: la Cairese premia un giornalista di Casapound

di Osvaldo Ambrosini

In occasione della 24º edizione del Torneo Internazionale Città di Cairo Montenotte, 1º memorial Carlo Pizzorno, che si svolge dal 25 al 28 aprile riservato alla categoria giovanissimi, l’ASD Cairese ha organizzato come di consueto un torneo di altissimo livello ospitando numerose società professioniste. Continua a leggere

A Cairo solo un episodio isolato

di Osvaldo Ambrosini.

Le presunte (mica tanto) offese a sfondo razzista ad un ragazzo di colore di una squadra delle giovanili del Priamar sul campo della Cairese, sebbene rappresentino un bruttissimo episodio, non possono e non devono portare alla facile associazione che i tifosi della squadra locale, o peggio tutti i cairesi, siano razzisti. Continua a leggere

Il corvo che dice al merlo come sei nero

di Osvaldo Ambrosini.

Fa sorridere, per non piangere, la presa di distanza della segreteria nazionale di Forza Nuova nei confronti della propria iscritta Selene Ticchi D’Urso, già candidata sindaco per Forza Nuova nel comune di Budrio, in provincia di Bologna, e candidata consigliere comunale sempre nelle liste di Forza Nuova per il comune di Bologna, colpevole di aver sfoggiato al raduno dei neofascisti di Predappio una maglietta con la scritta Auschwitzland. Continua a leggere

Matteo va alla guerra

di Matteo Lai.

Come le storie d’amore 2.0, tutto era iniziato con un galeotto “like” sotto a un post, il famoso “Sono veramente arrabbiato” postato da Salvini e apprezzato da Di Maio, quando il governo del cambiamento era sul punto di naufragare. Continua a leggere

Ischia: “Stupido hotel”

di Osvaldo Ambrosini.

“Ora che sono, ora che sono qui. In questo stupido stupido hotel. E non sei qui con me. Tutto mi sembra inutile, tutto mi sembra com’è. Farmi la barba o uccidere. Che differenza c’è? Hai già pronto il piano di recupero, Io vado preso, vado preso e hai, sempre ragione tu. Per il mio limite. Io non so stare solo. Vivere insieme a me…” Continua a leggere

“Dottore, dal vivo cambia tutto”

di Matteo Lai.

La paradossale vicenda della nave Diciotti, nave della Marina Militare, attraccata in un porto italiano ma – essendo “colpevole” di aver salvato immigrati – tenuta in ostaggio da un uomo barbuto, dal colorito olivastro e dalle molteplici mogli (sì, parliamo proprio di Salvini…), ha avuto una pagina di sconfortante umanità. Continua a leggere